Read e-book San Marone Vescovo di Tripoli di Siria (Italian Edition)

Free download. Book file PDF easily for everyone and every device. You can download and read online San Marone Vescovo di Tripoli di Siria (Italian Edition) file PDF Book only if you are registered here. And also you can download or read online all Book PDF file that related with San Marone Vescovo di Tripoli di Siria (Italian Edition) book. Happy reading San Marone Vescovo di Tripoli di Siria (Italian Edition) Bookeveryone. Download file Free Book PDF San Marone Vescovo di Tripoli di Siria (Italian Edition) at Complete PDF Library. This Book have some digital formats such us :paperbook, ebook, kindle, epub, fb2 and another formats. Here is The CompletePDF Book Library. It's free to register here to get Book file PDF San Marone Vescovo di Tripoli di Siria (Italian Edition) Pocket Guide.
This volume contains these articles: Patrizia Cancian, "Gli statuti di Pietro II alla ); and Joe Hillaby, "St Katherine's Hospital, Ledbury" (pp. . ); Roxana Recio, "El humanismo italiano y las produc- Paris: Editions du Seuil, .. Tripoli's Translation of the Pseudo-Aristotelian Secretum secretorum Viewed.
Table of contents



As I remarked earlier, I noted the frequent use in the medieval commentators Pietro Alighieri, Francesco da Buti, etc. In this performing of the music of the period as their setting we found that Dante juxtaposes the psalms and the amorous songs to each other five times, as if they were motets, one mocking, one serious, one profane, the other sacred. Italian Bookshelf personae within their texts, taking his cue from Buti , for there is a further layer. Boethius and Dante play the same speculum stultorum game: Martin and Paola Ugolini, eds.

Complete Poems, A Bilingual Edition. Center for Reformation and Renaissance Studies. Gambara learned to read and compose in Latin and at twenty-three married her cousin Giberto X, Count of Correggio, a fifty-year-old widower. Two sons, Ippolito and Girolamo, were born in and Giberto, a condottiere, died in battle in , and left his widow to govern Correggio, educate their sons, and bring up his children by a prior marriage.

Ippolito became a soldier and Girolamo rose to become a cardinal. A successful poet, Gambara succeeded as a politician and a stateswoman, securing alliances which protected Correggio. Italian Bookshelf networking, as some of her poetry shows. She celebrated the literati, congratulated Emperor Charles V, wrote to gain favors and positions for her sons, and cultivated her persona as a grieving, chaste widow.

She left behind letters that demonstrate that she befriended and corresponded with powerful people and contemporary intellectuals and writers. Some of her eighty poems are exercises in diplomacy and flattery. Others celebrate the landscape of her beloved Correggio or they mourn the death of her husband. She managed to keep her court and community at peace in a society threatened by brutal armies, acting shrewdly to defend her territory. Like other women poets of the Renaissance, she explored what it was to be a woman in love.

Her authentic individual tone suggests that writing was a vocation she wished she had more time for, not a marginal activity. She was also influenced by the classical pastoral tradition of Theocritus, Longus, Virgil and Ovid when she described the natural world. Her first madrigal was published in She relied on Petrarchan conventions but she transformed her lyrics to suit her needs. Finally, in her poems were published in a single printed edition, Rime e lettere di Veronica Gambara, edited by Felice Rizzardi.

The poems are divided into the following sections: The numerous footnotes and the bibliography guide the reader to the further study of this very important but underrepresented, until now, female poet. Friendship and Sociability in Premodern Europe: Contexts, Concepts, and Expressions. This book contains the latest results in the ongoing investigation on the notions of friendship and sociability in pre-modern Europe. The introduction presents a thorough discussion of the friendship between Michelangelo and Vittoria Colonna and contains also a useful bibliography.

The ten articles are grouped in three parts. The third article might have been better placed at the beginning of the chapter for chronological reasons but nevertheless rightly belongs in this section. According to Bernier, by means of his papers, Bayle establishes the basis of the erudite friendship which he defends and which he promotes for a vaster republic of letters.

All these articles explore the diverse characteristics of friendship and the erudite, political, religious and commercial exchanges in the analysis of these networks as well as their larger-scale consequences. Italian Bookshelf sociability, from the individual via his networks to their international impact, shaped civilization as we know it today, thereby enriching previous investigations and establishing solid bases for further study.

Il primo capitolo si sofferma su Trissino, Machiavelli e Tolomei. Italian Bookshelf della cultura nazionale. Sulla scia di Thomas M. Green, Mongiat Farina sottolinea come i giochi scartati abbiano come obiettivo la conoscenza, al contrario di quello prescelto che propone un percorso di formazione. Nature and Art in Dante: Literary and Theological Essays.

Four Courts Press, The essays published in this collection, originally delivered in the context of the annual Dante Series at the University of Dublin in and , represent a valuable contribution to the study of the crucial and complex issues of nature and art in Dante. As one understands from the subtitle of the volume, Literary and Theological Essays, these issues are explored in an interdisciplinary perspective that does not include only literature and theology but also the visual arts and philosophy.

Two of these essays are particularly important in clarifying the two themes at the center of the volume. In this sense the term is close to the concept of art in ancient philosophy where it was related to planned practical skills.


  • Great Holiness Classics, Volume 3: Leading Wesleyan Thinkers.
  • A Ghost of a Second Chance (Rose Arbor series Book 1);
  • Bearwalker;
  • Celeste Aida from Aida?
  • Legal Method, Skills and Reasoning.
  • .

On the one hand, artista may allude to an artisan or craftsman as in Paradiso Finally, arte for Dante implies skills and techniques that the artist must master, and is not opposed to science or nature; above all it points beyond itself, to a world of values that create its dignity. The second essay that plays an important role in elucidating the two major topics at the center of the volume is Simon A.

In this sense the cosmos is the Book of God through which humans may apprehend the divine artificer behind it. This vision of nature had ancient roots and was developed particularly by twelfth- century theology. Italian Bookshelf philosophical and appears related above all to the recovery and reception of Aristotle and his Arab and Latin commentators.

This hierarchy is confirmed in the extended literary description of the visual arts of Purgatorio where God is the artificer of the engravings, superior to all human artists and natural realities. However, Dante conceives nature as closely linked to the planets and their angelic movers. The other essays in the collections contribute in different ways to the general theme of the volume. In this sense Dante becomes a combination of Aeneas and Paul, a hero and a poet-prophet. Italian Bookshelf Silent Ship: In conclusion, the volume Nature and Art in Dante is an important addition to the bibliography on these themes.

Prefazione di Mario Praz. Biblioteca di Lettere Italiane, Studi e Testi. Italian Bookshelf del Lomazzo E non meno, e proprio per questa coscienza, la lezione di Tasso rimane preziosa, e maturo compimento del secolo XVI: A cura di Marco Petoletti. The Renaissance from an Italian Perspective: An Anthology of Essays In the introduction to The Renaissance from an Italian Perspective: An Anthology of Essays , editor Rocco Rubini enumerates his motivations and criteria for compiling this collection of essays.

How have these matters been complicated by developments in politics, philosophy, history, culture and society? Can we say today that these complexities have been resolved? These are but a few of the penetrating questions with which one must grapple in dealing with these essays. Each essay is densely laden with social and historical implications, and rife with value judgments and sharp critiques.

Because the Renaissance failed to produce political autonomy for Italy, and was followed instead by a period marked by foreign domination and historical decline, it could not represent for the Italian consciousness a moment of unqualified progress despite the advances it heralded. As Dionisotti points out: Characterized by a sense of urgency and moral certitude, the writings of Spaventa, De Sanctis and Fiorentino represent the period of the late Risorgimento. Spaventa calls for a new system of learning, and De Sanctis rejects the Renaissance intellectual. The next generation of scholars who carry the torch of their predecessors is represented by Gentile and Croce.

Grassi, Garin and Cantimori provide the post- war perspective, characterized by a reappraisal of the role and influence of Renaissance humanism. For them, humanist thought and method are essential to the development of modern sensibilities and civilization. It is his thesis that all academic and scientific endeavors are outgrowths of humanism. The epilogue to the volume comes from Dionisotti and returns to the issues initially raised in the introduction. He points out the role that history has played in the shifting relationship between Italian scholarship and the Renaissance.

According to Rubini, however, there is knowledge to be gleaned from the contributions of scholars such as De Sanctis, and value to be gained from continuing to include their considerations in discussions of the Renaissance. Italian Bookshelf This volume is a testament to the ongoing dialogue that exists between the past and present, as modern Renaissance scholars continue to puzzle their way through matters of national identity and philosophy, ever plagued by questions of historical subjectivity.

How can any scholar look upon history with an unbiased eye, without seeing his or her own world view reflected at any given moment in time? Rather than offer an exposition on Italian Renaissance scholarship, it, instead, poses a challenge to future generations to find their own place within the dialogue begun over a century ago. Scholars must strive to answer the questions which inevitably arise from the consideration of texts such as these, and in so doing approach a better understanding of themselves and their own influences, as well as those of the thinkers who came before.

Representation, Self-Representation, and Agency in the Renaissance. Centre for Reformation and Renaissance Studies, This volume of eleven papers by as many scholars spans four centuries and several countries, including England, Spain, France, and Italy. The first four essays, as well as the eighth, focus on sixteenth- and seventeenth-century France: Essays five and six are set in England: Archival documents, Brizio claims, reflect real-life practices more accurately than statutes and other normative literature commonly examined by historians; through a careful reading of these newly analyzed documents primarily, notarial records , Brizio shows the extent of the autonomy and economic freedom enjoyed by Sienese women in the fourteenth and fifteenth centuries — much greater than, for example, the autonomy of their Florentine counterparts.

My two main critiques, however, are addressed to the press the Centre for Reformation and Renaissance Studies in Toronto , and not to the generally thoughtful, original, and well researched essays themselves. First of all, readers will wish that the manuscript revision had been more thorough: The binding, as well, should have been done better: That said, there is much to recommend this eclectic book to scholars — both historians and literary critics — working on, or interested in learning more about, the representation of women in early modern Europe.

Michele Marrapodi has been writing about English and Italian cultural relations since the s. This most recent volume, which he has edited with his usual care, consists of eighteen essays by scholars whose concerns go beyond the identification of borrowed sources. The Merchant seems to have been conceived with precisely such an idea in mind.


  • Beyond the Rain.
  • Churches church leadership | Site to download ebook!.
  • .
  • Fesseln des Schicksals (German Edition).
  • ;
  • Senior Swappers 4.

At the core of her thesis is the Italian term riconoscenza gratitude , which shares a root with riconoscere to recognize: This notion sheds light on the strange and chilling moment when Coriolanus forgets the name of a poor Volscian who has given him aid. The moment seems trivial but it foreshadows what will happen to Coriolanus at the end, when he cannot bring himself to utter his own name, the name he has earned in battle at Corioles, upon entering the home of the arch enemy Aufidius.

In that home, of course, there will be no riconoscenza for Coriolanus. The danger, of course, in setting out to discover evidence of political engagement is to see such evidence where perhaps it does not exist. Horatio Palavicino was not only a merchant and a politician but apparently also a whoremonger. Italian Bookshelf contribution to our understanding of the way in which Shakespeare read and responded to his Italian predecessors. Poetry and Identity in Quattrocento Naples. La posizione del poeta si manifesta nelle caratteristiche formali e contenutistiche delle opere, denotanti vari gradi di capitale culturale.

Nei primi tre capitoli Soranzo esamina il Parthenopeus e De amore coniugali tramite i vari fili che legano le opere al loro contesto discorsivo, delineando come Pontano negozia le proprie origini umbre e la sua assimilazione della cultura aristocratica napoletana. Spostatosi lo sguardo al campo della filosofia e della religione, il quinto capitolo esamina la rinegoziazione del proprio carisma da parte di Pontano dopo la caduta della dinastia aragonese. Italian Bookshelf Chris Wickham. Sleepwalking into a New World: Princeton University Press, Students of Italian literature typically encounter the history of Italy at the time of the rise of vernacular literary records, around the mid-thirteenth century.

The relationship between urban life and literary production is already something of a given by that time; indeed, in De vulgari eloquentia Dante maps the various vernaculars of northern Italy on an urban grid. The governmental model associated with these cities, that of the commune, is likewise in place, so the question of how the commune was born does not seep into literary studies. It turns out, however, that the commune has a fascinating history and an impressive documentary record, now mediated by Chris Wickham in this excellent book. The author devotes a chapter each to Milan, Pisa, and Rome, as well as one to a review of several other cities that furnish further comparisons to the three principals.

The makers of the commune did not partake of the sort of self-aware constitutionalism we see elsewhere; rather, they more or less stumbled upon their new government. All of the communes he studies share most if not all of these elements, allowing Wickham to demonstrate that despite their sleepwalking the inventors of the commune were all pretty much up to the same thing.

Moreover, just as Wickham describes an ideal-type commune, so too does his history record a more or less consistent set of conditions that allow the commune to emerge. First and foremost there is the above-mentioned weakening of the old order: Important too is an older tradition of urban assemblies, such as the Milanese collectio, that morphed into the consulatus or concio, an organized urban deliberative body.

Italian Bookshelf in the law. With economic interests to protect, these men sought compromise with fellow citizens to ensure urban stability, applying their collective knowledge and energies to the protection of the city from external and internal threats. At the same time, however, one can see how the presence of multiple landholders in and around urban areas would encourage the sort of dialogue that would aim to preserve property rights and limit encroachment.

Wickham is a cautiously speculative historian; he hews to his documents, allowing them to tell only as much of the story as they can tell. One effect of the political somnambulism that Wickham describes is that the lack of self-awareness about the changes being effected left a hole in the historical record: Students of medieval Italian literature will find a fascinating secondary narrative here as well. Wickham mentions a number of historical poems from Milan and Pisa, written in Latin.

On the cusp of the emergence of a vernacular literature, therefore, there existed a late-Latin literary tradition, one that would overlap with vernacular production later on. This study begs one question and answers another. The former has to do with why the commune emerged at roughly the same time in so many places. Wickham furnishes some answers, but there is no reason to assume that common conditions would give rise so consistently to the commune. Some of the answers may have to do with imitation, as word spread throughout the region about the emergent governmental structures.

As well, the shifting economic landscape associated with urban life appears to have played a role, with wealthy stakeholders aiming to protect their property rights and enforce the responsibilities of members of the community as a means to guarantee a stability seen as good for all. The second question, the one Wickham answers more adamantly, goes to why he writes this book in the first place, and it is related to the first.

Wickham insists that a teleological reading of the history of the commune is thoroughly unfounded, precisely because its inventors basically had no idea what they were producing as they made it. There is no destiny here, but a haphazard and luckily successful attempt to create an urban governmental structure that in theory would guarantee peace. That peace turned out to be a chimera, as for example in Florence, reflects perhaps a human nature that no government can fully mediate. Michael Sherberg, Washington University in St. Italian Bookshelf Jan M.

That is not to suggest, though, that this collection of essays discourages new queries in its wake. In the introduction, Ziolkowski stages a rousing lineup of academically provocative and politically relevant questions and paradoxes. On the political front he demonstrates how despite the fact that the Commedia is an exemplum of what is Western, Christian and Catholic, and although it was written some seven hundred years ago, what it says about Islam has become nonetheless intensely relevant.

Since then the Union of Italian Muslims has also appealed to the Pope to remove such artwork from churches as well as to withdraw the teaching of the Commedia from curricula in densely immigrant regions of Italy. On the academic front, tensions run even deeper. On the one hand a picture arises of what medieval Christendom had the potential to know about the world of medieval Islam and how Dante then presumably absorbed and redirected this knowledge. On the other hand we see how modern academics have aligned themselves to this development.

The twelve articles in this volume are grouped into five categories, reflecting inquiry and insight along varied sight lines. Burman, examines different kinds of attitudes toward and knowledge about medieval Islamic texts and culture from the perspective of medieval Christian scholars, examining specific translations, translators and their particular bents and biases.

Stone and Daniela Boccassini, and uses textual evidence from the Commedia to argue for connections between Dante and Islamic philosophical and literary traditions. In the first article the connection is drawn in terms of how allegory and metaphoric language integrate philosophy and theology in Dante as was done in earlier Islamic writings Schildgen. The second article suggests a link in the way intellect in the Commedia could be read as philosophically divisible into the practical and theoretical, and how this idea might reflect Islamic thinking Stone.

The last article discusses how the phenomenology of falconry in the Commedia can be linked to none other than an Islamic cultural heritage Boccassini. Italian Bookshelf inquiry to create space for a world that thinks, asks thoughtful questions of the other and listens in pursuit of the truth. This volume belongs on the shelves of Dantists and Islamic scholars alike and will appeal to those new to academia as well as to those seasoned veterans who have paved the way.

Marina Cocuzza and Joseph Farrell. Illustrations by Giovanna Nicotra. Luigi Capuana is best known as a theorist of verismo, the Italian version of European realism, which prescribed for the writer the dispassionate and objective representation of reality, however squalid. So those readers who are unfamiliar with the many interests of Capuana, ranging from photography and etching to folklore, poetry, theater and journalism, will be surprised to discover that not only did he produce a substantial amount of fairy tales, but that he engaged in the genre time and again, from to , the year of his death.

This last collection includes one-act plays. Cocuzza and Farrell speculate that Capuana may have been directed towards the world of pure fantasy by his growing disenchantment with positivistic ideas and with scientific and mechanical progress. Children and adults alike will be delighted with the fables, while savvy readers will recognize the subtle satire of the new state that underlies some of the later tales.

Cocuzza and Farrell offer a penetrating analysis of the collected fairy tales, populated by kings, queens, princes, princesses, magicians and dragons, but also by desperately poor common folk — all endowed with recognizable human traits and instincts. Capuana never distanced himself too much from stark reality. The University of Toronto Press, The conventional view, advanced with erudition and authority by such writers as Richard Andrews and Tim Fitzpatrick, who are generously quoted here, is that the scenarios are of their essence a series of notes to actors, setting out situations or outline plots which allow performers to demonstrate their histrionic abilities and inventiveness by employing improvisational techniques.

There is a more general question in Italian theatre history concerning not just scripts themselves but relations between the actor and the author. The actor ruled at this time, but there is no discussion of individual actors or companies. There being no dispute that actors played stock parts indicated in the main by masks, the issue of creativity is then transferred to the level of individual characterisation in the scenarios. The author believes that they contain adequate individual motivations and skilfully crafted plots, meaning that the scope for different approaches in successive productions is reduced.

Crohn Schmitt is convinced that appreciation and production today require not merely knowledge of the stagecraft in the period when commedia flourished, but of cultural beliefs, social conventions, attitudes of mind and habits of life. This she aims to provide. The first part of the book is dedicated to reconstructing the culture of post-Renaissance Italy, examining the power relations inside families and between the sexes, discussing the habits of indoor and outdoor life, analysing the class structure and the consequent freedoms afforded to the hegemonic and to the subaltern class, the mores relating to marriage and dowries and the ethics of the age.

For her reconstruction, she relies largely on secondary sources and shows familiarity only with those contemporary treatises available in English. This leads to an undue reliance on certain better known works, such as those of Alberti and Castiglione, and an unexamined assumption that these works can be taken as representative. Further, it causes her to make general statements which should be questioned even if the name of a modern scholar can be attached to it. There is a tendency, no stronger in Crohn Schmitt than in others, to approach the past as though it were too foreign a country, and that the way of life was extraordinarily different.

In any case, Scala was no social historian, and a greater attention could have been paid not just to contemporary culture but to the conventions of theatre in his time, or perhaps of all time. Comedy overturns standards while sexual mis conduct always makes nonsense of moral tenets and provides prompts for laughter. Crohn Schmitt creates unnecessary problems for herself when confronted with servants who do not behave with due subservience, but that had been the case since Plautus.

The author is puzzled by the prevalence of women dressing as men in the comedies, and wonders if this reflects practise at the time. Renaissance writings and debates on love leave her perplexed It is hard to know exactly what a literal translation is, in any context. The author is keen to play down, perhaps unduly so, the practise of improvisation. She stresses that performers had committed to memory set speeches and dialogues, and proposes some such speeches from authors of the time that the characters might have spoken in scenes which are only sketched.

It is in this part of the book that Crohn Schmitt makes a genuine effort to make what I take to be her central case — that the scenarios should be more highly valued as plays in the now accepted sense of the word. Alessandro Manzoni nei paesi Anglosassoni. Secondo molti critici la limitata diffusione di tali opere fu dovuta alle mediocri traduzioni e al forte messaggio cattolico espresso negli scritti di Manzoni. Nella prima parte, la distribuzione del materiale segue un ordine cronologico e un ordine tematico.

La prima traduzione in inglese dei promessi sposi fu nel ad opera di Charles Swan il quale ammise di avere omesso molte parti storiche Nel seguirono ben tre traduzioni e poi altre due nel e nel Crosta inserisce molti dettagli sulle traduzioni e fornisce date precise sulle ristampe per dimostrare il vivo interesse che cresceva per il romanzo del Manzoni nei paesi anglosassoni Nelle pagine successive del libro, Crosta richiama tutte quelle dichiarazioni di scrittori e intellettuali inglesi che avevano scritto a favore delle opere manzoniane, come Mary Shelley , e di quelli che si erano ispirati a queste opere nello scrivere le loro.

Spunti manzoniani sono rintracciabili nei romanzi dello scrittore romantico Bulwer Lytton e degli scrittori vittoriani George Eliot 20 , Elizabeth Gaskell e William Gilbert I penultimi capitoli della prima parte del libro sono dedicati al movimento di Oxford tra i cui rappresentanti Newman e Yonge si dimostrarono dei grandi ammiratori del Manzoni. Il penultimo capitolo include il significato dei Promessi sposi come lettura dei personaggi nelle narrazioni di Donald Mitchell e di Catharine Sedgwick On the Erotic in Renaissance Culture, Princeton: Princeton University Press, , p.

Nella maggior parte dei casi non si riesce a scorgere nessuna differenza iconografica tra cortigiane, nobildonne e addirittura novelle spose, come nel caso di Giacomo Franco 63, fig. Vestiti lussuosi, gioielli e seni in vista sono caratteristiche sia degli abiti delle nobildonne veneziane sia delle cortigiane. In base ai dipinti e alle illustrazioni pervenutici, le nobildonne veneziane e le cortigiane sembrano partecipare insieme, nonostante gli emendamenti restrittivi, a balli, feste e riunioni nei salotti del XVI e del XVII secolo, scene spesso trasfigurate attraverso le diciture in rubrica, come nel caso di una scena di ridotto dipinta da Flipart 80, fig.

Cambridge University Press, From the perspective of Galileo Galilei , however, philosophy is written in a grand book that stands continuously open to our gaze, a mathematical masterpiece that cannot always be read in the poetical way described by Piccolomini. For Galileo, poetry may be an ambiguous tool, and philosophy must be expressed in mathematical terms so as to avoid uncertain and equivocal interpretations: Galileo made his argument by becoming a completely new kind of philosopher and — as Piccolomini would remark — by also using, at the same time, the right amount of rhetorical sugar to help his academic and ecclesiastical opponents take his bitter medicine.

Most of the issues addressed by the author open up a variety of aspects of Italian intellectual history and will require a background in Italian epic poetry and natural philosophy in order to be fully comprehended and squarely situated within their proper realms. For this reason, this text is less suited for a general audience but presents a valuable resource for graduate classes and seminars. La lingua di Galileo. Firenze, Accademia della Crusca, 13 dicembre A cura di Elisabetta Benucci e Raffaella Setti.

Si considera dunque la scelta del volgare e della creazione di una nuova lingua per una nuova scienza. Italian Bookshelf stabilisce in qualche modo un nesso tra gli otto interventi e vuole entrare nei particolari di quella polemica tutta galileiana delle parole e delle cose e di come tali parole possano catturare o adeguarsi alle cose. Si parla spesso di chiarezza e di precisione nella lingua di Galileo. Concludo con un esempio tratto dal saggio di Raffaella Setti, in cui si esamina un brano di Galileo dove, descrivendo la luna, si nota che dalla prima alla seconda stesura lo scienziato introduce una precisazione: The Poetry of Giovanni Meli.

Giovanni Meli is generally recognized as the greatest poet of the Sicilian language. His copious poetic output defies classification as it is situated between the movement of Arcadia and the nascent Romanticism. Writers in the local vernaculars are at a disadvantage, since their work is accessible only to a limited readership, so translations are of key importance for making their work accessible to a vaster audience.

Italian Bookshelf a painter of idyllic and bucolic scenes, but of an empiricist with idealistic tendencies, a physician-poet steeped in science and philosophy and aware of social injustice, who was also endowed with an extraordinary sensitivity to the beauty of nature. Next are selections from La buccolica Bucolic Poetry , inspired by Theocritus and comprising sonnets and idylls descriptive of the four seasons, celebrating nature and inviting to love, yet suffused with a sense of skepticism that foreshadows Leopardi.

The anthology includes eighty-nine Favuli morali Moral Fables , in which Meli pursues a genre that had gained great popularity and critical esteem. In these works Meli shows his admiration for the animal world that lives according to its natural instincts without gratuitously harming others, while contrasting it with the predatory human species that deceives and kills through reason.

He captures every shade and nuance of the original in simple, direct and modern English verse, even preserving — wherever possible — the cadence and rhyme-scheme of the original. Dimmi, dimmi, apuzza nica: Trema ancora, ancora luci And along the field the dew la ruggiada ntra li prati: Li ciuriddi durmigghiusi Pretty flowers, sleepy-eyed, ntra li virdi soi buttuni and still snug and tightly closed stannu ancora stritti e chiusi in their verdant buds abiding, cu li testi a pinnuluni. Italian Bookshelf Cipolla is universally recognized as a Meli authority.

Dopo una breve ma chiara Introduzione, si legge una essenziale Nota al testo nella quale il curatore descrive le fonti, cui segue un denso saggio sui I testi e la loro storia. Dopo queste porzioni introduttive, si legge il testo dei due poemetti e in appendice la riproduzione del ms. Il testo critico migliora in alcuni punti la lezione rispetto a quello approntato da Isella, sanando alcune sviste del precedente critico. Si segnala il commento a cura di S. Il risultato di queste ricerche non permette al critico di sciogliere definitivamente i dubbi e Biancardi decide prudenzialmente di pubblicare in appendice la trascrizione del frammento unitamente alla digitalizzazione del manoscritto.

Scritti polemici a cura e con introduzione di Silvia Morgana e Paolo Bartesaghi fino ai tre volumi apparsi nel Chiudono il volume una serie di indici: Nella descrizione degli stampati si notano alcune imprecisioni: Italian Bookshelf una nuova edizione critica. In alcuni casi sfuggono i criteri impiegati: Writing Fashion in Early Modern Italy: From Sprezzatura to Satire. The author of this book, Professor Eugenia Paulicelli, is the foremost cultural studies specialist on Italian fashion in the US. Paulicelli has published extensively on this topic, focusing on an impressive diversity of historical periods, including the Middle Ages, the Fascist ventennio, and contemporary times.

She is currently working on a study of fashion in postwar Italy. As the title makes clear, her latest volume under review here looks at clothing and fashion during the early modern period in Italy: The book is divided in three parts, each of which consists of two chapters that are in turn broken down into multiple subsections. Emphasis is placed on defining an Italian identity through clothes, within a moral geography centered on Europe. Hair, Wigs and Other Vices. Her Paternal Tyranny describes hair as a contested signifier of gender: The sixth and final chapter, with which the book ends rather abruptly: Italian Bookshelf about the power of fashion in shaping culture, and the anxiety provoked precisely by an awareness of this power.

Fashion is seductive because it allows for multiple identities and selves, and for this very reason moralists have condemned it for centuries, as can be seen in the literary narratives examined in this volume. This well-researched and well-organized book is bound to appeal to a variety of readers: My only criticism concerns not the content of the study, but the level of copyediting done by Ashgate Press. The book, in my view, ought to have been edited for readability and idiomatic English, whereas it currently reads, in places, as an all-too-literal translation from the Italian, with awkward and unclear passages that impede a smooth reading.

Dal punto di vista teorico, prendere in considerazione i fallimenti delle tragedie di Foscolo significa analizzare i suoi scritti di critica letteraria, contemporanei o posteriori alle sue opere teatrali, da una nuova prospettiva. Dopo la sezione introduttiva, in cui Walsh delinea il piano della sua opera, troviamo, nel primo capitolo, un compendio della situazione del teatro tragico italiano nel diciottesimo secolo. Nel terzo capitolo, la studiosa analizza dettagliatamente le vicende legate alla composizione e alla rappresentazione della seconda tragedia foscoliana, Ajace. Il quinto capitolo si focalizza sulle riflessioni finali di Foscolo in materia di genere tragico e sul contributo che egli dette, attraverso i suoi scritti, al dibattito fra classicisti e romantici.

Italian Bookshelf vicende personali, permette a Walsh di analizzare a fondo il Foscolo tragico: This monumental volume of pages, published in occasion of the homonymous exhibition held between Venice and Pavia at the beginning of , is the product of a scholarly effort of extensive proportions.

The biographies of all artists protagonists of the exhibition are also part of the volume. The third section includes four short essays on specific case studies relative to the exhibition, whereas the following chapter displays most of the prints of the exhibited works of art and a series of swift biographies of the artists prominent in the exhibit. Foglio parzialmente danneggiato con perdita di testo. Investitura concessa da Carlo Emanuele di Savoia. Raccolta di 3 patenti conferite da Carlo Emanuele di Savoia.

Manoscritti su pergamena e 1 su carta con 2 firme autografe di Carlo Emanuele. Carte [3], CCLC, [1] bianca. Esemplare scompleto di carta CIX. Testo in caratteri gotici G 91a, G a due colonne su 46 linee. Interamente rubricato in rosso con 1 grande iniziale rubricata in rosso e blu e 6 in blu, filigranate. Legatura ottocentesca in mezza pelle con punte e piatti in tela, titoli impressi in oro al dorso. Lievi segni di usura. Note di possesso al frontespizio e alle due successive carte, numerose glosse di antica mano al testo.

Testo inquadrato da commento in caratteri tondi R , R80 su 64 linee. Legatura monastica coeva con banda di cuoio decorata a freddo al dorso e ai piatti con motivi floreali e gigliati, su assi nude; dorso rovinato e parte del piatto anteriore mancante. Nota di possesso manoscritta al frontespizio. Prima edizione con il commento di Giovanni Sulpizio, ripresa con poche eccezioni da Aldo nel Testo inquadrato da commento, con citazioni in greco, in caratteri tondi R , R 80 su 61 linee. Alcuni grandi capilettera incisi in legno su fondo nero e spazi per capilettera con letterine-guida, qualche diagramma inciso in legno nel testo.

Sallustius Crispus Gaius, Opera. Testo inquadrato da commento in caratteri tondi R , R 81 su 60 linee. Legatura monastica con assi ormai perdute, rovinata; frammenti pergamenacei manoscritti applicati ai contropiatti come rinforzo. Numerose glosse in bella grafia cinquecentesca al testo. Celebre e raro trattato di retorica. Di questa edizione esiste anche una ristampa fatta da Locatello nel , che riporta ugualmente la data del al colophon; la ristampa differisce da questa per la segnatura del penultimo quaderno [us] invece che [con], come nel nostro e per la marca dello Scoto nella carta del registro.

Ioannes de Tridino alias Tacuino, 5 luglio Testo e commento in caratteri tondi R 82, R su linee. Iniziali filigranate incise in legno su sfondo nero e marca dello stampatore xilografica al colophon. Testo e commento in caratteri tondi R 80, R su linee. Grande incisione in legno al frontespizio raffigurante Orazio fra i due suoi commentatori.

Legatura settecentesca in piena pergamena rigida con titoli impressi in oro al dorso. Alcune glosse al testo di antica mano. Due rari incunaboli di Ovidio in un unico volume. I repertori citano tre versioni di questa edizione con identico colophon, una delle quali viene comunemente datata dopo il Prima edizione in volgare Vignetta xilografica al frontespizio, marca tipografica in fine e capilettera incisi in legno su fondo nero. Lacune nei margini e forellini di tarlo reintegrati con carta moderna al frontespizio e alle successive 3 carte, lievi arrossature sparse.

Legatura moderna in mezza pelle montata su assi di legno, titoli impressi in oro al dorso. Ex-libris Ricasoli Firidolfi applicato al contropiatto anteriore e nota di possesso settecentesca manoscritta al frontespizio. Prima edizione in italiano. IBE, ; Kristeller Carte su Esemplare scompleto delle carte D2-D7, G4-G2. Testo in caratteri gotici su due colonne in 56 linee.

Legatura coeva in pergamena semifloscia con titoli al dorso ormai sbiaditi. Entro custodia in piena tela. A8, B6, a-gg8, hh4. Testo in carattere gotico G su 44 linee in due colonne. Spazi per capilettera con letterineguida. Marca del tipografo in fine. Legatura cinquecentesca in piena pergamena floscia con titoli manoscritti al dorso, leggermente lisa e con lacerti di legacci. Numerose postille al testo di antica mano.

Prima edizione di questo puntuale commento ai vangeli. Testo in caratteri tondi R su 45 linee. Piccolo forellino di tarlo riparato nel margine inferiore a partire dal fascicolo n e lacune reintegrate nel margine esterno delle carte f1, p7-r5. Legatura moderna in pergamena antica. Testo in caratteri tondi e gotici G e R su 46 linee. Spazi per capilettera con letterine-guida.

Legatura rimontata con pergamena di riuso proveniente da codice manoscritto rubricato in rosso e con iniziali filigranate. Lunga annotazione manoscritta di antica mano al frontespizio. Testo inquadrato da commento, con citazioni in greco, in caratteri tondi R , R 80 su 63 linee. Bella legatura monastica coeva con banda di cuoio decorata a freddo al dorso e ai piatti con motivi geometrici, su assi nude e titoli su tassello cartaceo al dorso; un fermaglio conservato.

Nota di possesso cassata al frontespizio. Raro incunabolo con il commento di Johannes de Aingre e Daniele Caetani. Raccolta di 4 pergamene. Manoscritti pergamenacei di dimensioni varie. Alcuni con sigilli in piombo, in legno con ceralacca e nastri originali. Buono stato di conservazione. Raccolta di documenti legati alla possessione di Paderno dei monaci olivetani di Lodi. Dal al Carte [], 5 bianche. Qualche lieve macchia, una lettera ormai slegata ma ottima conservazione. Legatura seicentesca con titolo e stemma calligrafato al dorso. Raccolta di lettere e documenti notarili legati al possedimento di Paterno, inizialmente concesso dal Conte Roberto Malatesta da Soliano agli Umiliati e in seguito assegnato ai monaci Olivetani insieme alla Chiesa e al Monastero di San Cristoforo di Lodi.

Nel Seicento, come si evince dai documenti, il terreno venne acquistato da tal Annibale Vecchi. Processus pro fisco Officiis S. Nicolaum Ursinum comitem Pitigliani. Manoscritto cartaceo in-folio mm x Carte [1], , [2] bianche. Ottimo esemplare in barbe, con trascurabili mende. Legatura coeva in pergamena floscia con titolo manoscritto al piatto anteriore. Pagine [4] la prima bianca , , 6 bianche, [19], 7 bianche. Copia manoscritta probabilmente tardo-cinquecentesca della Prima distinzione dello Statuto del Comune di Siena, riformato e emendato da dodici cittadini nel Per gli statuti a stampa di Arezzo, Lucca, Novara e Urbino si vedano i lotti Carte [64], 1 bianca.

Carte [1], , [6]. Testo vergato in inchiostro bruno, con molte aggiunte e correzioni. Ottimo esemplare in barbe, con solo qualche sporadica macchia marginale. Legatura coeva in mezza pelle verde con punte e piatti in cartone. Titoli impressi in oro su tassello al dorso. Due manoscritti di mano di Bernardino Baldi, con molte cancellazioni, aggiunte e ripensamenti al testo.

Entrambe le opere rimasero a lungo inedite, ma Il Tasso venne poi pubblicato nel insieme a un altro opuscolo per le cure di Padre Tito Cicconi, prefetto della oggi estinta Biblioteca Albani, dove il manoscritto era conservato. In questa vendita si offrono tre manoscritti inediti di Bernardino Baldi, autore eclettico e poligrafo cui si attribuiscono oltre cento opere, molte mai pubblicate o edite solo in epoca tarda; si vedano lotti successivi.

Ottimo esemplare nelle sue barbe. Legatura coeva in mezza pelle con punte e piatti in cartone. Timbro della Biblioteca Albani al frontespizio.

Manoscritto inedito di mano di Bernardino Baldi. Carte , [4] di indici. Testo vergato in inchiostro bruno, con alcune aggiunte e correzioni. Titoli impressi in oro su tassello al dorso a 5 nervi e insegne degli Albani impresse in oro ai comparti. Timbro di Biblioteca Albani al frontespizio. Ducato di Urbino Raccolta di 57 lettere indirizzate al Duca di Urbino e al suo segretario. Legatura moderna in mezza pergamena con punte e piatti in cartone marmorizzato.

Venezia, Palazzo Ducale, 14 gennaio Manoscritto a inchiostro nero mm x Carte [18], 1 bianca, le ultime 3 bianche. Legatura coeva in piena pergamena con titoli manoscritti al dorso e legacci. Timbro di collezione privata al frontespizio. Opera maggiore di Piero di Giovanni Monaldi, dedicata a Ferdinando I, questa Storia delle illustri famiglie fiorentine godette di straordinaria fortuna tanto che nelle biblioteche pubbliche si conservano circa 30 esemplari manoscritti, ma non conobbe mai la stampa: Raccolta di testi profetici.

Carte [], 10 bianche, con 8 disegni nel testo in coloritura coeva. Testo vergato da due differenti mani seicentesche. Legatura muta coeva in piena pergamena antica. Ex rivelationibus Divi methodi episcopi Barensis et martiris, Ex prognosticis Vincentii Viterbi reperti in libro antiquissimo, Oraculum turcicum, Antoni Torquati astrologi ferrariensis vaticinium ecc.

Martilogio delle terre di dominio della Mensa di Lucca poste nel Comune di Capannori. Carte [], 11 bianche in fine, in carta moderna. Legatura coeva in pergamena di riuso proveniente da codice manoscritto rubricato in rosso, con al piatto anteriore la scritta Sig.

Manoscritto cartaceo in-folio piccolo mm x Raccolta di 96 bellissime illustrazioni numerate di piante disegnate a matita a piena pagina e acquarellate, ciascuna con nome della specie ritratta. Legatura settecentesca in mezza pergamena con punte e piatti in carta xilografata; titolo manoscritto al dorso. Indice manoscritto delle illustrazioni al foglio di guardia posteriore. Raccolta di atti notarili. Alcune delle carte bianche con un breve strappo vicino alla cucitura, per il resto, carte in buono stato.

Legatura in pergamena a quattro bande. Si tratta di vendite, acquisti, permute, cessioni, dichiarazioni ecc. Con signa tabellionis, alcuni a inchiostro. Raccolta di carte di argomento religioso. La raccolta comprende documenti manoscritti e a stampa di dimensioni varie: Carte legate tra loro da sigillo in carta. Documento in pergamena insieme ad altra pergamena con intestazione Pio VII.

Datato 7 maggio , Torino. Biagio e Caterina di Finale. Documento a stampa con le indulgenze perpetue. Carte in buone condizioni. Manoscritto a inchiostro nero su carta con filigrana mm x Carte 4 scritte recto e verso. Vari disegni e tabelle nel testo. Alcune mancanze della carta con perdita di testo. Curioso documento che raccoglie informazioni relative ad un argomento mai passato di moda e al quale molti ancora oggi si affidano. Corpus iuris civilis [ Pagine numerate a penna , ma carte con aggiunte e carte bianche interfoliate in fine, per un totale di carte.

Con 2 tabelle manoscritte a piena pagina nel testo. Testo latino in inchiostro bruno di mano omogenea. Legatura in pergamena coeva. Mancanze al dorso, fori di tarlo ai piatti, spellate le unghiature. Carte [7] bianche, [1] con bordura architettonica incisa in rame, [], [15] bianche.

A carta []r inizia il Tractatus de Beatitudine, a carta []r il Tractatus de actibus humani in genere. Legatura coeva in piena pergamena rigida con titolo manoscritto al dorso. Non datato [ma post ]. Frontespizi con titoli entro cartouche disegnata a china e acquarellata, testo vergato in inchiostro bruno e riquadrato da duplice filetto. Legatura coeva in pieno vitello marmorizzato con cornice di triplice filetto impressa in oro ai piatti e titoli dorati su tassello al dorso; tagli rossi. Testo in latino, con alcune correzioni nel testo e a margine. Legatura settecentesca in piena pergamena rigida con titoli dorati su falso tassello al dorso.

Carte [17] , 80 [i. De epistolis latine conscribendis libellus. De varia verborum in vario sensu constructione tractatus.

https://baudownsmarycin.ga/map8.php

Bibliographie - Persée

Qualche forellino di tarlo nel margine interno di poche carte e rare lievi macchie ma buona copia. Legatura settecentesca in mezza pelle con piatti marmorizzati e titoli impressi in oro al dorso. Ex-libris alla carta di sguardia originale Conte Paolo Vimercati Lozzi. La seguente Storia fu da me cominciata a copiare il 6 aprile e fu terminata li 4 luglio [ Cancellature e correzioni nel testo e a margine.

Legatura coeva in mezza pergamena con piatti in cartonato e titoli manoscritti al dorso, allentata internamente e danneggiata. Nel nostro manoscritto, a margine, sono indicate alcune correzioni. Pagine [14] le prime due carte bianche , [i. Testo vergato in bella grafia in inchiostro rosso e nero. Fioriture sparse e qualche macchiolina marginale. Legatura napoletana coeva in pieno vitello con cornici concentriche di dentelles a motivi fitomorfi, piccoli ferri fogliati e duplici filetti impresse in oro ai piatti, al centro dei quali campeggia una placca curvilinea con due anfore eseguite ai piccoli ferri.

Titoli e fregi floreali impressi in oro al dorso a 5 nervi. Piccole lacune e forellini dovute ai tarli, punte e cuffie stanche. Si vende come legatura. Carte [] di cui 50 bianche , con 1 frontespizio allegorico e 57 splendide illustrazioni raffiguranti cannoni, bombarde, affusti per traino, carriaggi e strumenti del bombardiere disegnate a matita e a china e acquarellate a mano entro riquadro ornamentale; alcune delle illustrazioni sono state applicate.

Legatura coeva in piena pelle marmorizzata con decorazioni in oro al dorso. Minime tracce di usura. Ex-libris Mark Dineley al contropiatto anteriore e timbro Ten. Pietro Bardet di Villanova di fregiarsi del titolo accademico e ordinario. Lectiones publicae in Regio Braiidensi Giimnasio. Ottima conservazione Legatura moderna in pieno vitello nocciola con titoli impressi in oro al dorso. Nelle scuole Palatine aveva insegnato Cesare Beccaria, che tanta influenza aveva avuto proprio sulla giurisprudenza criminale. Registro di franchigie, esenzioni, e privilegi che gode la nobilissima e antichissima famiglia Mattei di Capo Corso nel regno di Corsica Carte [28], alcune bianche.

Raccolta di documenti di dimensioni varie e di diverse grafie. I documenti presentano sigilli in ceralacca e a secco. Legatura coeva alle armi della famiglia Maffei, impresse in oro al centro dei piatti e inquadrate da elaborata cornice a fregi fitomorfi; minimi difetti ai piatti e piccola lacuna alla cuffia inferiore. Manoscritto pergamenaceo mm x Testo in latino incorniciato da righe rosse e nere. Al verso una nota manoscritta datata 15 ottobre con firma del Prefetto e del Cancelliere.

Documento in ottimo stato, cornice un poco danneggiata. Nella Stamperia di Giuseppe Marelli, Buona copia, con un lavoro di tarlo alle carte che comporta una minima perdita di testo. Cartonato coevo ricoperto di carta xilografata con titolo manoscritto su etichetta al piatto anteriore; lo stesso lavoro di tarlo delle carte interne. Lastri 26; Re Obblighi da soddisfarsi dalla Pia opera di Maria S. Cartonato coevo con tassello cartaceo applicato al piatto anteriore: Obblighi da soddisfarsi, come qui entro apparisce, dal primo gennaro a tutto decembre anno suddetto in Mensano. Manoscritto cartaceo in-folio massimo mm x Legatura coeva in piena pelle marmorizzata, con abrasioni e altri segni di usura.

Le rivoluzioni delle figure numeriche, scienza sublime del celebre Pico della Mirandola, sistema delle loro combinazioni Carte [19], 1 bianca. Vita di San Francesco di Sales [ Presso Antonio Rosa, Manoscritto cartaceo in 2 volumi in-folio mm x I testi sono preceduti dai sommari. Con correzioni e cancellature nel testo. Cartonato muto coevo ricoperto di carta marmorizzata. Raccolta di 6 passaporti. Testi a stampa e manoscritti. Roma, documento a stampa.

Santa Sede - Sacra romana rota. In aperitione Rotae equitabunt RR. De Petro et de Silvestris […]. Manoscritto tibetano di preghiere. Manoscritto a soffietto su cartoncino color ocra mm x Scritto recto e verso in inchiostro nero e rosso, specchio di scrittura incorniciato da duplice filetto in inchiostro rosso. Legatura in piena pelle, lievemente lisa. Non datato [ma XX secolo]. Scritto recto e verso in inchiostro nero, specchio di scrittura incorniciato da duplice filetto in inchiostro rosso e 10 splendide miniature di soggetto erotico. Bella legatura romana in vitello maculato alle armi vescovili con ampie decorazioni a motivi floreali, filetti concentrici, e volute intrecciate ornate di foglie di acanto; ricca decorazione ai comparti del dorso ai 5 nervi.

Per li figliuoli del Z: Pagine VIII, , [1]. Leone di Venezia inciso in legno al frontespizio, capilettera e fregi xilografici nel testo. Ottimo esemplare, ad ampi margini. Prima e unica edizione. Consilium delectorum cardinalium et aliorum Praelatorum de emendada ecclesia Stemma di Paolo III in xilografia al frontespizio. Minimi difetti marginali alla carta A, ma testo ben conservato. Legatura moderna in piena pergamena rigida con filetti semplici impressi a secco ai piatti e tracce di note manoscritte, ormai illeggibili, al dorso.

Ex-libris e note manoscritte al contropiatto anteriore. Prima rarissima edizione SBN ne censisce una sola copia del Consilium de emendada ecclesia, frutto del lavoro della commissione istituita da papa Paolo III per indagare la corruzione interna alla curia e proporre un piano di riforma ecclesiastico; le denunce e i suggerimenti dei nove membri della commissione fra i quali Gasparo Contarini, Reginaldo Pole e Gian Pietro Carafa, futuro papa Paolo IV vennero presentati al papa con questo memoriale, ma non ebbero un seguito sul piano pratico.

Periodico letterario - sociale - artistico quindicinale. Tipografia fratelli Centenari, Tutto il pubblicato, dal 15 giugno al 16 marzo Qualche brunitura ma ottima copia. Legatura coeva in mezza pelle verde con punte e piatti in percallina, titoli impressi in oro al dorso. Le prime 4 annate complete Fascicoli in prima edizione tranne 7, in seconda edizione.

Qualche numero lievemente brunito ma in generale ottima conservazione. Le Noir est une Couleur. Con 5 litografie originali di Geer Van Velde; n. Con 6 litografie; n. Con 2 litografie originali; n. Con 3 litografie originali; n. Con 3 litografie originali; nn. Bram et Geer Van Velde. Con 2 litografie originali di Geer Van Velde; n. Con 7 litografie originali; n. II edizione ; n. Con 4 xilografie, 3 delle quali originali di Serge Rezvani; n. Fascicolo di 8 carte non numerate.

Fascicolo di 12 carte sciolte. Con 4 litografie di Kandinsky, di cui 2 a doppia pagina a colori interne al testo e 2 in principio e in fine di volume. Tutti i fascicoli in prima edizione. Conservati in cartella editoriale in piena tela con applicata ai piatti la litografia di Chagall utilizzata per la copertina del n. Con 4 litografie originali; nn. Descriptions des arts et metiers Con innumerevoli tavole in bianco e nero incise in calcografia, alcune ripiegate, tutte a illustrazione delle diverse arti.

Legatura in mezza pergamena con punte e piatti in cartone marmorizzato ottocentesco con titoli manoscritti al dorso e precedente collocazione su tassello di carta alla cuffia inferiore. Lotto non passibile di restituzione. Il Diccionario de Autoridades Diccionario de la lengua castellana [ Con complessivamente 6 frontespizi in rosso e nero con cornici a motivi fitomorfi e 1 antiporta nel primo volume incisa da Antonio y Joan Palomino.

Legatura in piena pergamena coeva rigida con titoli oro su tassello applicato al dorso. Dieci paradosse degli Academici Intronati da Siena. Antonio degli Antonii, Marca dello stampatore incisa in legno al frontespizio e ripetuta in fine, capilettera xilografici. Lacuna reintegrata nel margine inferiore del frontespizio altrimenti ottima copia. Sguardie fittamente annotate a matita, ex-libris a uno dei fogli di guardia. Prima edizione, a cura di Giovanni Paolo Ubaldini.

Sconosciuta ai principali repertori consultati. Un rarissimo opuscolo su Lucca Historia del volto santo di Lucca, detto comunemente S. Appresso gli Heredi di Guglielmo Facciotti, Belllissima effigie del Crocifisso ligneo incisa in rame al frontespizio. Alcune arrossature sparse ma buon esemplare. Horae diurnae breviarii romani Apud Nicolaum Pezzana, Conservato entro astuccio coevo in vitello screziato con impressioni a freddo.

Splendida legatura nello stile Le Gascon Chez Charles Fosset, s. Esemplare ad ampi margini con piccola mancanza nel bordo bianco di una carta. Dentelle impresse in oro alle unghiature e tagli dorati. La Tavola di Cebete Tebano. Nel Regal Palazzo, Pagine [4], 78, [2]. Cartonato marmorizzato coevo, tagli spruzzati di rosso. Edizione della sola parte italiana, molto rara. Carte [98] su Scompleto delle carte a1-b1 e f7. Caratteri gotici e molte vignette incise in legno raffiguranti scene della vita di Cristo e della Vergine.

Esemplare con difetti di conservazione, e con la data al colophon parzialmente abrasa. Legatura coeva, presente solo in parte. Note di antica mano a qualche carta. Le Figaro, Manzi, Joyant et c. Internamente moltissime illustrazioni a colori e in bianco e nero alle pagine. Collazione dei singoli esemplari su richiesta. La pubblicazione, annuale dal al , diviene in seguito mensile e prosegue fino al Liber sextus decretalium D.

Ciascuna parte con proprio frontespizio in inchiostro rosso e nero, con grande vignetta xilografica raffigurante Gregorio XIII. Arrossature sparse, lievi gore al primo frontespizio e qualche forellino di tarlo marginale a poche carte, ma nel complesso discreto esemplare. Legatura coeva in piena pergamena rigida con titoli manoscritti al dorso a 5 nervi; punte stanche e difetti al dorso.

Due note di possesso al foglio di guardia anteriore. Lotto di 23 volumi di letteratura francese. Daudet Alphonse, Tartarin sur les Alpes. Paris, , 1 volume. Forain, De la Marne au Rhin. Pris, , 3 volumi. Dictionnaire portatif de la fable. Avignon, , 1 volume. Daudet Alphonse, Rois en exil. Paris, , 1 volume dorso allentato. Leipzig, , 1 volume. Paris, , 4 volumi. Bruxelles, , 3 volumi. Fantozzi, Nouveau guide de Florence Lotto di 3 legature settecentesche devozionali.

Lotto di 11 placchette sulla guerra contro i Turchi. Ogni placchetta conta [4] pagine. Discrete condizioni generali, solo rare bruniture ma esemplari in barbe e ben conservati.

Churches church leadership

Mirabilis liber qui Prophetias Revelationesq[ue]; nec non res mirandas p[re]teritas, presentes et futuras aperte demonstrat Legatura in piena pelle antica con rifacimento del dorso. Missale romanum ex decreto sacrosancti concilii tridentini restitutum Typis Sacrae Congregationis de Propaganda Fide, Missae propriae sanctorum ad usum Fratum Minorum Sancti Francisci Ex typographia Balleoniana, Tutte le carte di questa seconda opera sono state infinestrate per adattarle alla grandezza della legatura.

Pagine [2], 17, [1]. Pagine [2], 35, [1]. Legatura in cartonato rustico coevo. Leggere macchie, cuffie con mancanze. Carte [7] di 8, manca il frontespizio, supplito da carta manoscritta , Legatura muta coeva in pergamena rigida, con trascurabili difetti. Motivi floreali impressi in oro al dorso a 5 nervi e tagli dorati; sguardie in seta.

Prose e versi per onorare la memoria di Livia Doria Caraffa Pagine [6], , [2] con 11 tavole fuori testo in calcografia a piena pagina. Inoltre numerosissime incisioni interne al testo. Legatura in cartonato azzurrino originale. Dorso in parte perduto. Pagine [12], 81, [1] con 84 tavole fuori testo in calcografia legate in fine. Frontespizio inciso a due colori con grande fregio calcografico.

Carte leggermente brunite in principio di volume, nel complesso esemplare in buone condizioni. Legatura in mezzo vitello con punte e piatti in carta marmorizzata. Mancanze lungo le unghiature e agli angoli. Biondo Flavio Roma trionfante [ Carte [22], 2 bianche, Legatura moderna in pergamena con unghie e titolo in oro al dorso. Esemplare fittamente postillato da mano antica.

Carte [8], , [10]. Fioriture marginali alle carte, esemplare leggermente corto di margini ma completo e internamente in buone condizioni. Legatura antica in piena pergamena floscia con lacerti di legacci e titolo manoscritto al dorso. Restauri alle cuffie e al piatto posteriore, alcune macchie, lisa nel complesso. Lunga nota di possesso alla carta di guardia anteriore. Choix XI, a; Schudt A Theatro Sheldoniano, prostant apud Robertum Scott, Pagine [8], 96, [8]. Bella vignetta calcografica al frontespizio raffigurante lo Sheldonian Theatre e 52 figure di piante incise in rame nel testo e numerate.

Prima edizione di questa importante opera di botanica. Legatura ottocentesca in mezza pelle con piatti in carta marmorizzata, con mancanze al dorso e piatti lisi. Si veda lotto precedente.

Brunet I, con tavole: Fregi xilografici ai frontespizi. Legatura coeva in pieno vitello maculato con titoli impressi in oro su tassello applicato al dorso, difetti alle cerniere e alle cuffie. Pagine XIX, [1], ; con 19 di 29 tavole fuori testo. Copia composta in legatura disomogenea, con alcune tavole del primo volume slegate e mancante di molte illustrazioni. Legatura coeva in piena pergamena rigida con titoli manoscritti al. Particolarmente stimata e ricercata anche per le belle vedute di Siracusa: Senza la tavola ripiegata in fine raffigurante il Beato Nicasio Burgio.

Scompleto della tavola ma internamente in ottimo stato di conservazione. Legatura coeva in piena pergamena rigida con titoli impressi in oro entro falso tassello al dorso. Rarissimo, una delle poche opere edite a Trapani, dove la stampa era iniziata appena un secolo prima. Pagine [4], 86, [2] e 17 tavole ripiegate incise in rame fuori testo, di cui 2 molto grandi di mappe e 15 di piante di porti e fortificazioni.

Frontespizio in inchiostro rosso e nero. Bruniture e lievi macchie sparse. Ex-libris nobiliare inciso da Lemire su disegno di Eisen applicato al contropiatto. Legatura coeva in piena pelle marmorizzata con titoli dorati su tassello al dorso, molto lisa. Canina Luigi Descrizione storica del foro romano e sue adiacenze Carrara Francesco La caduta del Velino nella Nera Pagine 24, con 1 carta. Fioriture, alcune macchie marginali, ma esemplare completo e in barbe. Legatura in mezza pergamena con punte e piatti in cartone decorato.

Titolo impresso in oro su tassello al dorso. Sporadiche macchie, uno strappo marginale in una delle tavole, ma nel complesso esemplare in discrete condizioni e nelle sue barbe. Lotto di 2 opere di Luigi Canina, archeologo e architetto attivo a Roma tra il e il Frontespizio entro cornice xilografica con grande vignetta raffigurante le due facce di una medaglia di Clemente VIII in basso, bella testatina con la Veduta del ponte Regolatore sopra il Velino e una tavola con il Prospetto della caduta del fiume [ Un piccolo forellino in una carta, senza perdita di testo, ma ottimo esemplare, con le tavole in fresca e nitida tiratura e a margini eccezionalmente ampi.

Cartonato muto coevo colorato in oro. Lichtenthal ; Lozzi in nota. Harding and Mahon, Pagine [2], XIV, [8], [i. Esemplare in barbe, ma con il secondo volume scompleto del frontespizio e con alcune carte slegate, altri difetti. Legatura in mezza tela, lievemente lisa. Timbro di collezione privata alle sguardie e al frontespizio. Moncada Lo Giudice ; Pine-Coffin Colletta Pietro Storia del Reame di Napoli dal sino al [ Antiporte allegoriche ai volumi e 13 tavole incise in rame fuori testo.

Legatura in mezza pelle rossa con piatti marmorizzati, punte perdute. Giannone Pietro, Storia civile del Regno di Napoli. Borroni e Scotti, Ottimo esemplare in barbe e parzialmente intonso, con solo lievissime arrossature sparse e un piccolo strappo a una tavola. Legatura ottocentesca in mezza pelle verde con punte, piatti marmorizzati, titoli impressi in oro al dorso. Ottimo esemplare in barbe e parzialmente intonso. Cartonato muto coevo, con annotazioni di mano coeva ai piatti. Lotto di tre opere di ambito veneto Marco gratulazione dei deputati della citta di Udine.

Pagine XXVI, 1 bianca. Grande antiporta calcografica, bella vignetta in rame al frontespizio, altra incisione a fine volume. Piccolo foro di tarlo marginale alla prima carta, per il resto ottime. Legatura coeva in carta decorata. Parzialmente staccata, alcune mancanze a angoli e dorso. Alla prima carta lunga nota manoscritta di mano antica. Ordini e capitoli [ Minime macchie ad un paio di carte in fine volume e alcune rinforzi alle prime pagine, complessivamente buone le condizioni.

Legatura in cartonato coevo con nota manoscritta al dorso. Parzialmente staccata, mancanze al dorso. Descrizione degli spettacoli e feste datesi in Venezia per occasione della venuta delle LL. Pagine 15, 1 bianca. Con 1 ritratto calcografico della duchessa in principio di volume e 1 del duca in fine.

Legatura in carta decorata con alcuni strappetti e mancanze. Pagine , , 1 carta bianca. Fregio al frontespizio, capilettera e testatine xilografici. Legatura coeva in piena pelle con titoli dorati su tassello applicato al dorso a 5 nervi, fregi impressi in oro ai comparti; minime abrasioni. Terza edizione, con titolo lievemente diverso dalle precedenti.

Fazello Tommaso Rerum Sicularum scriptores ex recentioribus praecipui, in unum corpus nuns primum congesti Marca dello stampatore incisa in legno al frontespizio, capilettera xilografici. Adams F; Lozzi Foglia Giovanni Antonio Historico discorso del gran terremoto successo nel Regno di Napoli, nella provincia di Capitanata di Puglia, nel corrente anno Per Lazaro Scoriggio, Marca tipografica al frontespizio e capilettera xilografici. Esemplare allentato internamente e con lavori di tarlo marginali alle carte. Brossura muta coeva marmorizzata, lisa. Nota di possesso G. Mercalli al contropiatto anteriore.

Difetti al frontespizio e bruniture. Cartonato moderno rivestito in carta. Mancano a Piantanida e Furchheim. Pagine XXII, [2], , [1]; [4], , [1]. Qualche arrossatura e brunitura sparsa, alcuni segni a matita ma buona copia. Legatura coeva in pieno vitello maculato con piatti inquadrati da cornice di filetto e di roulette di piccole foglie impresse in oro, titoli e decori impressi in oro al dorso; leggere abrasioni ai piatti e al dorso.

Legatura coeva in mezza pelle. Jean du Bray, Legatura coeva in piena pelle maculata, lisa. Franzetti Agapito Raccolta di n. Ottimo esemplare con solo piccole e sporadiche macchie marginali, ma stampato su carta forte, ad ampi margini e ben inchiostrato. Legatura moderna in mezzo marocchino con punte e piatti in carta decorata. Cartonato coevo rivestito in carta decorata. Fioriture diffuse e altri difetti. Gaetani Pierantonio Museum Mazzuchellianum, seu numismata virorum doctrina praestantium [ Typis Antonii Zatta, Frontespizio del primo volume in inchiostro rosso e nero con grande vignetta calcografica, ripetuta nel secondo, elaborate testatine, capilettera.

Jennings and Chaplin, Altre illustrazioni sia in legno che in rame entro le pagine, alcune su carta Cina applicata. Sporadiche fioriture ma nel complesso in buone condizioni interne. Legatura coeva in mezzo marocchino con punte rifinite in oro e piatti in cartone marmorizzato. Titolo e decorazioni in oro al dorso a 5 nervetti, taglio testa dorato, sguardie in carta decorata. Abrasioni lungo le unghiature, cerniere leggermente stanche. Al contropiatto anteriore ex-libris cartaceo di precedente proprietario.

Pagine [8], 40, 1 carta geografica della Sicilia incisa in rame da Orgiazzi e 44 tavole tutte con 1 carta di testo a fronte; [4], [2] in fine di indice e 48 tavole con testo a fronte. Splendido esemplare completo di testo e di tutte le tavole, manca come usuale la lista dei sottoscrittori. Legatura coeva in mezza pelle con punte e piatti in carta marmorizzata, corona regale sovrastante un ovale vuoto impressa in oro al centro dei piatti anteriori, titoli e ampie decorazioni impresse in oro al dorso.

Lievi segni di usura ai piatti e minime abrasioni ai dorso. Ginanni Francesco Istoria civile, e naturale delle pinete ravennati Frontespizio in inchiostro rosso e nero con vignetta calcografica, testatine, capilettera e finalini incisi in legno. Legatura coeva in mezza pergamena con punte e piatti in carta ocra, titoli dorati su tassello al dorso. Bernardino Bindoni, Al colophon: Alcune pecette di rinforzo alle prime carte, fioriture marginali in rare pagine, ma complessivamente testo ben conservato.

Legatura coeva in piena pergamena floscia con titolo manoscritto a dorso e piatto anteriore; lacerti di legacci, alcune mancanze al dorso e lungo le unghiature. Prima edizione italiana della famosa Historia giustiniana nella traduzione del Domenichi. Cicogna ; Adams G - ; Lozzi Goldicutt John Antiquities of Sicily. Legatura moderna in mezza pelle con piatti in pelle della legatura originale, con abrasioni e altri difetti.

Volumen primum -decimum quintum. Excudit Petrus VanDer Aa, Ciascun volume con frontespizio generale in inchiostro rosso e nero e vignetta calcografica, e frontespizi per le varie parti sempre stampati in rosso e nero. Splendido esemplare, con le usuali lievi bruniture e sporadiche fioriture sparse e piccoli fori di tarlo marginali a poche carte del sesto volume. Legatura in pergamena rigida con due cornici concentriche di duplice filetto impresse a secco ai piatti, titoli dorati su tassello al dorso a 6 nervi, con gigli ai piccoli ferri impressi in oro ai comparti.

Graevius Johann Georg, Thesaurus antiquitatum et historiarum Italiae, quo continentur optimi quique scriptores, qui Campaniae, Neapolis, Magnae Graeciae [ Legatura omogenea a quella sopra descritta. Il lotto comprende il Thesaurus Antiquitatum et Historiarum Siciliae e i 5 volumi del Thesaurus antiquitatum et historiarum Italiae dedicati ai territori del Regno delle Due Sicilie, in legatura omogenea.

Disponibile su richiesta la collazione completa. Guattani Giuseppe Antonio Roma descritta ed illustrata Nel complesso esemplare ben completo e nelle sue barbe. Legatura ottocentesca rimontata in mezza pergamena con punte e piatti in cartone decorato, sguardie rinnovate. Bella e interessante opera riccamente illustrata con vedute e spaccati di alcuni tra i principali monumenti romani Colosseo, Terme di Caracalla, Pantheon, etc. Si segnala la presenza di una bella incisione a opera di Francesco Piranesi. Choix XI, ; Cicognara ; Schudt Legatura coeva in piena pelle bazzana con piatti maculati e inquadrati da triplice filetto impresso in oro, titoli dorati su tassello applicato al dorso a 6 nervi, comparti decorati.

Angoli e dorsi lievemente lisi. Numerose altre illustrazioni in rame interne al testo. Esemplare diffusamente brunito, con arrossature in corrispondenza dello specchio di stampa di alcune pagine. Antiporta parzialmente staccata, restauri marginali alle prime carte e arrossature concentrate negli ultimi fascicoli, ma opera ben. Legatura ottocentesca in mezza pergamena con punte e piatti in carta decorata, titolo impresso in oro su tassello al dorso. Al suo interno, in questo esemplare particolarmente belle e in forte inchiostratura, si trovano carte topografiche e vedute di ville antiche, tra le quali si segnala anche una grande carta di Villa Adriana, con dedica al cardinale Francesco Barberini.

Antiporta e frontespizio incisi, 1 carta di indice e 60 tavole accompagnate ognuna da una carta di testo con descrizione in inglese al recto e francese al verso. Legatura coeva in percallina verde con titoli dorati al dorso. Con 40 tavole a piena pagina incise da Jacques Callot Pagine [10], , [2] bianche, [12] con 1 antiporta e 1 frontespizio incisi oltre a 40 belle tavole nel testo in calcografia per la maggior parte da Jacques Callot su disegni di Matteo Rosselli e Antonio Tempesta. Pagine XIV, 66, [2]. Legatura settecentesca in cartone marmorizzato con titolo manoscritto al dorso.

Callot e rarissime a trovarsi Maffei Scipione Verona illustrata. Parte prima -quarta ed ultima. Legatura coeva in piena pergamena coeva con titoli impressi in oro su tassello al dorso. La seconda parte reca la data Brunet III, ; Cicognara Vignetta con il ritratto del Dedicatario in ovale ai frontespizi, una testatina e molti bei finalini incisi in rame. Ottima copia ad ampi margini, con alcune carte di testo e di tavole brunite.

Legatura coeva in piena pergamena rigida con fregio arabeggiante impresso a secco al centro dei piatti e titoli dorati su falsi tasselli ai dorsi; piatto anteriore del primo volume un poco liso. Marta Luigi Costumi della festa data da S. Ciascun foglio protetto da velina. Legatura moderna in piena pelle rossa con titoli impressi in oro al piatto anteriore e fregi al dorso, sguardie in seta rossa.

Alcune abrasioni al piatto posteriore ma in ottimo stato. Timbro a secco al frontespizio. Splendida opera in cui sono raffigurati i personaggi che presero parte al ballo dato da re Ferdinando II nella sua reggia di Napoli durante il Carnevale del Marzolla Benedetto Atlante corografico, storico, e statistico del regno delle due Sicilie eseguito litograficamente Con 1 frontespizio a doppia pagina inciso in rame e 25 carte geografiche a doppia pagina con dettagli a colori. Alcune fioriture e macchie, minimi strappi marginali al frontespizio e alle carte ma buon esemplare.

Legatura coeva in mezza pelle con punte e piatti in marmorizzati. Titolo impresso in oro al dorso. Alcune spellature e punte un poco stanche. Fra le mappe che lo compongono si segnalano: Masbel Bernardino Descritione e relatione del governo di stato, e guerra del Regno di Sicilia Pagine [4], , [3]. Stemma xilografico al frontespizio, alcuni capilettera incisi in legno. Forellini di tarlo marginali.

Legatura in pergamena antica rimontata, con titoli dorati su falso tassello al dorso; difetti. Molte note, alcune cassate, di mano coeva al frontespizio. Misciattelli Piero Il palio di Siena. Pagine , 1 bianca con molte e bellissime xilografie a colori nel testo, di cui Internamente in ottimo stato di conservazione. Bella legatura editoriale in piena pelle con titolo e stemma impressi a secco con finiture in tessuto colorato al piatto anteriore e rappresentazione di leone, sempre a secco, a quello posteriore; lievi spellature ai piatti e al dorso. Due opere sul Tevere Modio Giovanni Battista Il Tevere [ Esemplare diffusamente brunito, con macchie alle prime carte di testo.

Marca xilografica al frontespizio e al verso della carta E4. Legatura settecentesca in pieno cartonato con titoli manoscritti al dorso. Una nota di possesso manoscritta alla sguardia anteriore. Manca ai principali repertori. Morelli Jacopo Descrizione delle feste celebrate in Venezia per la venuta di S. Napoleone il Massimo Imperatore Un lavoro di tarlo marginale in principio altrimenti ottima copia ad ampi margini.

Cartonato muto coevo rivestito di carta giallina, con tracce di muffa. Cicogna ; Cicognara ; Berlin Kat. Morosini Paolo Memoria storica intorno alla Repubblica di Venezia. Antiporta calcografica, vignetta in rame al frontespizio e in fine volume. Splendido esemplare stampato su carta azzurrina ad ampi margini. Legatura coeva in pieno marocchino rosso con cornici di triplici filetti impressi in oro ai piatti e titolo in oro su tassello al dorso.

Sguardie in carta marmorizzata, tagli e unghiature dorate. Minime abrasioni ai piatti, cuffia superiore leggermente stanca. Legatura tardo ottocentesca in mezza pelle con punte rifinite in oro e piatti in percallina rossa. Nibby Antonio Itinerario di Roma e delle sue vicinanze Presso Pietro Datri, Legatura coeva in mezza pelle con piatti in carta marmorizzata, lievemente lisi.

Saltate nella numerazione del secondo volume le pagine ; nel primo volume un lavoro di tarlo alle prime carte con perdita parziale di alcune lettere e di margine bianco nella tavola e altri forellini di tarlo passim, alcune tavole staccate ma completo. Mancanze lungo le unghiature, qualche macchia ai piatti. Sporadiche arrossature ma testo in barbe.

Primo volume parzialmente sfascicolato. Brossura editoriale in carta con titoli entro cornici ai piatti e al dorso. Con nel complesso 57 tavole calcografiche: Fioriture marginali, alcune pagine con macchie, ma complessivamente in buono stato di conservazione, con le tavole in ottimo stato. Titolo manoscritto al dorso. Esemplare privo dei volumi n. Condizioni di conservazione ottime, con le tavole in fresca tiratura. Legatura coeva in piena pergamena, leggermente lisa e con mancanze ad alcuni volumi. Pagine [8], , [4] con 20 tavole fuori testo di vedute incise in rame. Complessivamente in buone condizioni di conservazione, fatta eccezione per un piccolo strappo marginale a pagina 83 e altri minimi e marginali difetti.

Bibliographie

Legatura editoriale in pieno cartonato blu con titoli inclusi entro cornice xilografica al piatto anteriore e dati editoriali al posteriore. Alcune mancanze alle cuffie ma ben conservato. Una nota di possesso manoscritta ottocentesca alla carta di guardia anteriore. Piale Pietro Nuova collezione di vedute di Roma antiche e moderne Legatura in cartonato coevo con titolo tipografico su tassello in carta apposto al centro del piatto anteriore.

Commentaires récents

Con 2 frontespizi, vedute su 50 carte al primo tomo e 70 vedute su 35 carte al secondo tomo. Minimi difetti, buone condizioni generali. Cartonato coevo con titolo manoscritto al dorso. Una macchia al piatto anteriore, per il resto ben conservato. Cartonato coevo rivestito in carta marmorizzata. Nuova raccolta delle principali vedute di Roma antica e moderna Pigna Giovanni Battista Historia de principi di Este [ Pagine [8], , []. Frontespizio con xilografia in bella coloritura coeva con stemmi araldici. Capilettera in rame nel testo. Bel volume con solo alcune lievi bruniture e un poco corto di margini.

Bella legatura coeva in piena pelle con stemma cardinalizio impresso al centro di entrambi i piatti, incorniciato da ampi filetti a motivi fitormorfi. Dorso a 5 nervi con decorazioni e titolo in oro ai comparsi. Mancanze al dorso e lungo le unghiature, nel complesso lisa. Ampio strappo a tavola 15 e fioriture sparse ma buona copia ad ampi margini. Legatura coeva in mezza pelle con punte e piatti marmorizzati. Pinelli Bartolomeo [Storia Romana]. Pagine 19, [1] con 40 ma 39, manca la n.

Edizione della Storia Romana in formato ridotto e con le incisioni al tratto, pubblicata dopo la prima in-folio ; frontespizio e molte tavole recano la scritta Roma Pagine [6], con 52 carte di tavole calcografiche fuori testo. Fatta eccezione per alcuni restauri marginali a poche carte opera in ottime condizioni di conservazione. Legatura ottocentesca in mezzo marocchino rosso con angoli rifiniti in oro e piatti in cartone decorato. Seconda edizione del poema, la prima illustrata. Buon esemplare, con sporadiche fioriture e una leggera gora.

Legatura posteriore in mezza pelle con punte e piatti in tela, con difetti. Questa raccolta, sconosciuta a Brunet e Lipperheide, mostra i costumi tipici degli abitanti dei dintorni di Roma e comprende 16 tavole dedicate alla vita dei briganti. Colas ; Hiler ; Vinet Piranesi Francesco [Monumenti degli Scipioni]. Lievi fioriture sparse e una leggera gora nel margine superiore esterno. Si vende come raccolta di tavole. Roma, In fine: Nella stamperia di Generoso Salomoni, Con 2 capilettera e due finalini calcografici firmati in lastra da Piranesi.

Fioriture sparse alle carte di testo, bruniture ai margini di tavola XII ma splendida copia in barbe con le tavole in freschissima tiratura. Legatura ottocentesca in mezza pergamena con punte e piatti in carta marmorizzata; cuffie e punte stanche. Opera non comune; cfr. Focillon ; Hind 85; Wilton-Ely Le rovine di Paestum e di Ercolano in un unico volume In-folio massimo mm x La serie completa ed omogenea, con qualche rara lieve arrossatura ma in splendido stato e ad ampi margini.

Un piccolo strappetto nel margine superiore bianco del frontespizio ma ottima conservazione. Legatura coeva in mezza pergamena con piatti in carta marmorizzata e titoli dorati su tassello al dorso, lievemente lisa. Fioriture sporadiche e gore marginali. Cartonato marmorizzato coevo, con mancanze al dorso. Monaldini e Piale, [ ca. Cartonato marmorizzato coevo, liso.

Ragusa Girolamo Elogia Siculorum qui veteri memoria literis floruerunt Pagine [12], , [28]. In depravatos orbis incolas.. Legatura coeva in piena pelle maculata con titoli impressi in oro su tassello al dorso. Rossi Pellegrino Vita di san Geminiano vescovo, e protettore di Modena Pagine [10], , [1] con 1 ritratto del santo inciso in rame da Antonio Crespi in antiporta e 5 tavole calcografiche fuori testo, di cui 1 ripiegata e 1 a doppia pagina. Frontespizio impresso in inchiostro rosso e nero, capilettera e testatine calcografici, vignetta raffigurante san Geminiano con Modena sullo sfondo incisa in legno a piena pagina a carta k4v.

Legatura muta ottocentesca in mezza pergamena con piatti in carta xilografata. Al frontespizio, timbro sbiadito di collezione privata e altro timbro di libreria, ripetuto a pagina 1, molte glosse di antica mano al testo. ICCU censisce 1 esemplare con 7 tavole forse non considerando unica la tavola a doppia pagina , mentre i pochi altri esemplari presenti nelle biblioteche pubbliche, come quella di Lione, sono conformi al nostro esemplare. Pagine vii, 73, 1 bianca. Legatura coeva in brossura muta.

Pagine [6], XIII, [3], , con 50 carte di tavole, di cui 3 carte geografiche; [4], [2], XXVIII, , [6], , [1], con 83 carte di tavole, di cui 2 carte geografiche e la celebre tavola del Phallus presente ma slegata dal volume; [10], 22, IV, XL, , [1] con 60 di 63 carte di tavole; [4], II, IV, [4], XVIII, con 59 carte di tavole; [6], , [1], seguono 59 carte di testo con numerazione varia e 47 carte di tavole. Con nel complesso di tavole incise in rame fuori testo: Grande vignetta calcografica ai frontespizi, dedica incisa a Maria Antonietta, molte testatine e finalini calcografici.

Legatura coeva in pieno marocchino nocciola con titoli impressi in oro al dorso a 6 nervi. Dorsi ricostruiti con pelle moderna e piatti lievemente lisi e in parte restaurati agli angoli. Ex-libris applicato ai contropiatti anteriori. Opera scompleta di 4 tavole ma con un numero di illustrazioni comunque superiore a quello dei rari esemplari comparsi nel mercato antiquario degli ultimi anni, e con la censurata tavola del Phallus ben presente, anche se conservata sciolta.

Salmon Thomas Lo stato presente di tutti i paesi e popoli del mondo naturale, politico, e morale [ Nella stamperia di Giambattista Albrizzi q. Bella copia con lievi fioriture sparse. Legatura coeva in piena pergamena rigida con titoli dorati su tassello al dorso. Ex-libris arcivescovile applicato al contropiatto anteriore. Il solo volume n. Pagine [4], con 1 grande carta geografica ripiegata in principio e 4 di 5 tavole di vedute di Roma ripiegate in fine, il tutto in calcografia; [5], con 5 di 9 tavole di vedute di Roma ripiegate in fine.

Esemplare scompleto di 5 tavole fuori testo. Macchie in alcune tavole. Legatura ottocentesca in mezza percallina con piatti in cartonato e nota manoscritta moderna al dorso: Alla carta di guardia ex-libris di precedente proprietario. Smyth William Henry Memoir descriptive of the resources, inhabitants, and hydrography, of Sicily and its islands, interspersed with antiquarian and other notices.

Esemplare con alcune lievi bruniture e sporadiche fioriture ma completo di testo e di tavole, anche della veduta della Chiesa di San Giovanni. Legatura coeva in pieno vitello nocciola con piatti inquadrati da cornici impresse in oro e a secco, titoli dorati su tassello applicato al dorso; minimi difetti.

Ex-libris Cholmeley of Brandsby al contropiatto anteriore. Tipografia degli eredi Botta, Pagine XVI, , [1]; ; , [1]. Riproduzione fotografica del busto di Vittorio Amedeo in antiporta al primo volume. Occasionali lievi aloni ma bella copia. Legatura coeva in mezza tela bordeaux con piatti in cartonato marmorizzato,. Pagine LXX, [2] bianche con 11 tavole a doppia pagina numerate incise in rame da Jacopo Leonardis fuori testo. Serpe Giuliano, Indice delle produzioni naturali alla Terra Batista Vendramini Mosca, Placchetta di pagine 8, su carta azzurra.

Bozza Vincenzo, Della Universale rivoluzione Placchetta di 20 Swinburne Henry Travels in the two Sicilies [ Legatura coeva in piena pelle marmorizzata, rimontata e con cerniere ricostruite in pelle moderna, titoli in oro su doppio tassello e fregi in oro e a secco al dorso. Annotazioni di possesso e timbri di collezione privata agli occhietti e ai frontespizi. Moncada Lo Giudice Interessante miscellanea di cinque testi di storia naturale e vulcanologia; i testi dello Strange e del Fortis in prima edizione e ad ampi margini.

Rinomata guida di viaggio in seconda edizione illustrata da numerose tavole ripiegate finemente incise in rame;. Vignetta calcografica con le armi del Dedicatario alla carta di dedica. Esemplare rifilato nel margine superiore ma in buono stato di conservazione.